Internet to Fight the Poverty


Cattura

INTERNET TO FIGHT THE POVERTY (IFP) è un macro-progetto promosso dagli studenti del Liceo Classico Statate “F. Capece” di Maglie (diretto dalla Prof.ssa Gabriella Margiotta), coordinati dai loro docenti (docente referente del progetto è la Prof.ssa Immacolata Cesari[1]; tutor di inglese del progetto è la Prof.ssa Luigia Garrapa 2, Connie Ignazi è la tutor madrelingua del progetto3).

IFP come macro-progetto ha i seguenti obiettivi:

  • Ridurre il Digital Divide (divario digitale) fra i Paesi del Nord e del Sud del mondo (ad esempio Tanzania, Kenya, Senegal, ecc.);
  • Costruire un ‘ponte tecnologico’ che favorisca negli studenti locali la conoscenza della problematiche proprie dei Paesi del Sud del mondo;
  • Promuovere attivamente nei Paesi del Sud del mondo l’utilizzo di materiale utile alla diffusione della tecnologia digitale (ad esempio, laboratori multimediali intesi come strutture predisposte per funzionare come tali, computer portatili, tablet, connessioni ad Internet, ecc.);
  • Creare una comunità virtuale giovane e dinamica che si incontra regolarmente nel world wide web (via Skype e Facebook[2]) che condivide le proprie esperienze e che, attraverso la promozione di azioni di solidarietà (ad esempio, mercatini, concerti, sfilate di moda, banchetti interculturali, ecc.), sia sensibilizzata a svolgere azioni concrete di sostegno rivolte ai Paesi del Sud del mondo (ad esempio, acquisto di computer, di tablet e di strumenti per la connessione al world wide web, borse di studio per permettere agli studenti africani meno abbienti di poter frequentare la scuola, ecc.)

IFP come macro-progetto annovera al suo interno “IFP junior”, il quale consta di tre micro-progetti rivolti ai giovani allievi della scuola dell’infanzia (microprogetto 1), della scuola primaria (microprogetto 2) e della scuola secondaria di Primo grado (microprogetto 3)…Internet to Fight the Poverty